Pronta ad iniziare un nuovo anno scolastico

Pronta ad iniziare un nuovo anno scolastico

Eccomi qui pronta ad iniziare un nuovo anno scolastico.

Mille sono le idee che bollono in pentola.

Passione, motivazione e pazienza sono pronte ad entrare in azione.

Questo per me è il periodo dell’anno più importante poiché devo pensare e dare una struttura a tutte le attività che voglio svolgere. Per farlo mi chiudo in una stanza e con l’aiuto di internet, delle guide didattiche, delle mie conoscenze di Psicologia Evolutiva e del mio “IO BAMBINO”, butto giù il MIO PROGRAMMA. Solo chi è insegnante come me può capire quanto è bello e stimolante pensare alle attività, recuperare il materiale, organizzare il tutto e poi vedere la felicità e l’eccitazione dei bambini quando sono lì a fare una cosa che abbiamo pensato e organizzato per loro…credetemi ne vale di tutta la fatica fatta…una vera soddisfazione!!!

Quest’anno ho deciso di stravolgere completamente il programma che ho adottato per anni e adottarne uno più pratico ed intuitivo, mescolando le tecniche del metodo montessoriano (che da molta importanza allo sviluppo delle capacità innate di ogni bambino), alle tecniche di C. Rogers (esperto della relazione), e di Gordon (specialista nella gestione del conflitto e ideatore del metodo senza perdenti), con l’Educazione Socio-Affettiva (che insegna ad ascoltare in modo attivo, a comunicare attraverso il Messaggio-Io e a risolvere i conflitti con la tecnica del problem-solving).

I miei obiettivi saranno:

a. lo sviluppo dell’autonomia personale: aspetto fondamentale per la fascia d’età che seguo (il gruppo dei 5 anni) che dovrà prepararsi in vista delle elementari;

b.rispettare la personalità e le esigenze di ogni bambino: ogni bambino ha una sua storia, delle sue regole, dei suoi punti di forza e di debolezza. Una brava maestra deve tener conto di questi aspetti e gestire la lezione in modo flessibile. Non è il bambino che da solo deve capire la lezione (poiché questa è statica e ripetitiva), ma è la maestra che deve saper spiegare in modo da arrivare a tutti;

c.fare in modo che amino la scuola: proponendo lezioni pratiche, interattive e sempre diverse. Il bambino deve essere continuamente stimolato altrimenti perderà l’interesse, si annoierà e non renderà a livello scolastico;

d.prepararli adeguatamente ad affrontare le elementari: attraverso un percorso mirato che li conduca a saper leggere, scrivere, fare piccole operazioni matematiche e piccoli ragionamenti di logica; tenendo sempre conto e rispettando i tempi e le inclinazioni dei bambini.

Detto questo auguro a tutte le insegnanti e a tutti i bambini un anno ricco di soddisfazioni e attività strabilianti. Un augurio particolare va alle mie colleghe dell’asilo Fate e Folletti e ai miei bambini del disco Arancione… preparatevi perché quest’anno sono molto carica!

Vi saluto con questa immagine