Facciamo un pò di chiarezza tra le differenti figure professionali

Facciamo un pò di chiarezza tra le differenti figure professionali

IL COUNSELOR:

E’ una figura professionale che, avendo conseguito uno specifico Diploma al seguito di un Corso di Studi almeno triennale, è in grado di favorire la soluzione di disagi esistenziali che non comportino, tuttavia, una ristrutturazione profonda della personalità. Si tratta di un “ascoltatore professionista” che non dà consigli, ma competenza e comprensione. Il Counselor è un Agevolatore nella relazione di aiuto e rappresenta un riferimento per coloro che, trovandosi in un momento di difficoltà, sentono il bisogno di essere accolti ed ascoltati da qualcuno competente disposto a prendersi cura di loro. Il Counselor è un esperto in: comunicazione, accoglienza, problem solving, decisionalità, orientamento.

LO PSICOLOGO:

È laureato in Psicologia e ha superato l’Esame di Stato che consente l’iscrizione all’Ordine degli Psicologi (Albo sezione A) e l’accesso alla professione. Se non ha l’iscrizione all’Albo, è un laureato che può fare altre cose, ma non è abilitato ad esercitare la professione di psicologo. Lo Psicologo fornisce un aiuto non farmacologico, basato su colloqui di consulenza, valutazione diagnostica, sostegno e riabilitazione. Gli interventi che può fare lo Psicologo non devono configurarsi come terapia, poiché essa richiede il titolo di Psicoterapeuta.

LO PSICOTERAPEUTA:

Può essere sia un Medico che uno Psicologo che dopo la laurea ha frequentato una Scuola di Specializzazione quadriennale, riconosciuta dallo Stato, e si è iscritto all’Elenco degli Psicoterapeuti del proprio Ordine. La psicoterapia utilizza come strumenti la relazione, l’ascolto e la parola e permette di intervenire sui disagi della persona utilizzando tecniche che variano a seconda della teoria di riferimento. Ci sono moltissime scuole di psicoterapia, ognuna delle quali ha un suo orientamento teorico e tecnico. Questo vuol dire che i terapeuti possono lavorare in modi anche molto differenti fra loro. Lo Psicoterapeuta può intervenire su disturbi psichici anche intensi e cronici, può trattare i disturbi della personalità, eventuali traumi psicologici e intervenire per la rimozione degli ostacoli che impediscono la normale espressione della maturità psicologica, sbloccando la crescita dell’individuo.

LO PSICHIATRA:

E’ un laureato in Medicina che ha intrapreso successivamente la specializzazione in Psichiatria. Egli ha una formazione di base prevalentemente medico-farmacologica e non è Psicologo né Psicoterapeuta, a meno che non abbia conseguito i relativi titoli. Cura i disturbi psichici e le malattie mentali utilizzando la terapia farmacologica. Può accadere che lo Psicologo Psicoterapeuta e lo Psichiatra collaborino per aiutare un paziente ad uscire da una situazione di sofferenza particolarmente intensa o per il trattamento di disturbi psichiatrici. Si interessa delle alterazioni affettive e comportamentali gravi.

Recentemente è nata la figura del DOTTORE IN TECNICHE PSICOLOGICHE che, a differenza dello Psicologo con laurea quinquennale, ha conseguito una laurea di tre anni, ha effettuato un successivo tirocinio di almeno 6 mesi e ha superato l’Esame di Stato che consente l’iscrizione all’Ordine (Albo sezione B). Il dottore in Tecniche Psicologiche può operare sotto la supervisione di uno Psicologo iscritto alla sezione A.

IL NEUROLOGO:

Medico specialista nel settore professionale della Neurologia. Si occupa dello studio e dell’approfondimento diagnostico di tutte le malattie, dei deficit o dei semplici disturbi che possono coinvolgere il Sistema Nervoso Centrale e Periferico, a carico quindi dell’encefalo, midollo spinale, nervi cranici e periferici o muscoli. Cura le malattie neurologiche possono coinvolgere primitivamente ed unicamente il Sistema Nervoso Centrale (Sclerosi Multipla, malattie Cerebrovascolari, malattia di Alzheimer, malattia di Parkinson, Epilessia, altre malattie neurodegenerative o patologie Infiammatorie ed Infettive), il Sistema Nervoso Periferico (Polineuropatie, Miastenia, Miopatie) o essere espressione di malattie che coinvolgono primitivamente altri organi o apparati e che possono coinvolgere anche il Sistema Nervoso (Diabete Mellito e altre malattie metaboliche sistemiche, patologie infiammatorie, infettive, immuni o tumorali). A seconda dei casi l’attività professionale del neurologo si avvale della collaborazione di diverse figure professionali come il neuropsicologo, lo psicologo clinico, il neurofisiologo, lo psichiatra.