Che differenze ci sono tra uno Psicologo e una Psichiatra?

Che differenze ci sono tra uno Psicologo e una Psichiatra?

Lo Psicologo e lo Psichiatra si occupano entrambi della salute mentale.

Tuttavia, differiscono per molti aspetti che è bene conoscere se si sta cercando un aiuto.

Il primo riguarda il titolo di studi: lo Psichiatra ha una laurea in Medicina e Chirurgia e una specializzazione in Psichiatria. Lo Psicologo ha una laurea in Psicologia, per utilizzare il suo titolo (oltre alla laurea), deve aver superato l’esame di stato ed essere regolarmente iscritto all’Albo Professionale dell’Ordine degli Psicologi.

Il secondo concerne l’oggetto di studio: lo Psichiatra si occupa di disturbi mentali a carico del sistema fisico. Lo Psicologo osserva gli aspetti emotivi e cognitivi del disturbo mentale.

Il terzo si riferisce al metodo d’intervento: lo Psichiatra richiede ed analizza esami medici, prescrive farmaci generici e psicofarmaci. Lo Psicologo utilizza come strumenti d’intervento il colloquio, la somministrazione di test, il sostegno empatico ecc..

Il quarto è nel valore della relazione: lo Psichiatra, essendo un medico, ha un rapporto col paziente di tipo asimmetrico dove il paziente è la parte dipendente, e il medico ha il ruolo del professionista competente che guida e dà prescrizioni. Lo Psicologo instaura un rapporto paritetico col paziente, il percorso terapeutico si costruisce insieme, lui sa dove arrivare e come, il paziente sceglie le strade e le soste.

Queste due figure professionali possono collaborare nella cura di un paziente: lo Psichiatra si occuperà di riequilibrare gli scompensi chimici attraverso la somministrazione di farmaci, mentre lo Psicologo lavorerà per riattivare le risorse e le emozioni positive.